Elezioni Europee 2009: un voto contro mafiosi, corrotti e mangiatori di mortadella

Pubblico questo bel post tratto da http://riberaonline.blogspot.com/

La politica italiana attuale annaspa in un grave declinio morale e criminale. Mafiosi e politici in allegra simbiosi si spartiscono fondi pubblici e posti di lavoro. Il padre di famiglia disperato per l’avvilente futuro dei propri figli vota sempre il peggiore e cioè colui che gli promette una occupazione. Professionisti e imprenditori votano chi garantisce loro appalti e incarichi. Il ricatto clientelare e l’affarismo mafioso decidono le sorti del paese. E non la qualità delle proposte governative. E’ una vergogna. Prima di scrivere sulla scheda elettorale il nome di un indagato per mafia o di un presunto corrotto, prima di mettere una croce su un partito pieno di mafiosi e affaristi, prima di scrivere il nome del mangiatore di mortadella… passatevi una mano sulla coscienza. Il futuro dei vostri figli lo possono garantire soltanto gli onesti attraverso politiche di sviluppo e di legalità. Tutto il resto è meschino opportunismo. Indegnità.

ALZATE LA TESTA ED ESPRIMETE UN VOTO LIBERO.

Vi assicuro che vi sentirete meglio.

scritto da freesud

_________________________________________________________

Mi permetto di segnalare  4 nomi di tutto rispetto (senza nulla togliere agli altri candidate di queste liste) :

Alle elezioni Europee del 6-7 giugno nella Circoscrizione Insulare (SICILIA e SARDEGNA) si possono dare fino a 3 preferenze all’interno dello stesso Partito.

per Sinistra e Libertà scrivi

Claudio FAVA e Rosario GALLO

Maggiori informazioni sui candidati:

http://www.sinistraeliberta.it/candidati/?regione=insulare

_________________________________________________________

per il Partito Democratico scrivi

Rosario CROCETTA e Rita BORSELLINO


Naturalmente non è possibile votare per 2 partiti, quindi sarà dura ma bisognerà scegliere.

Addio

Mi dispiace non averti conosciuto di persona, ma con quel video è come se lo avessi fatto.

La parodia dell’aeroporto fantasma di Agrigento continua … BOCCIATO!

Nuovo capitolo per la vicenda dell’Aeroporto fantasma di Agrigento.

L’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile (ENAC) ha infatti BOCCIATO il progetto presentato dalla Provincia Regionale di Agrigento nel luglio del 2008.

In tutte le normali amministrazioni la prima cosa da fare all’indomani di un provvedimento del genere sarebbe stato prendere atto del fallimento di anni di cattiva gestione, prendere i responsabili delle varie scelte e mandarli a casa.

Ma siccome qui siamo in Sicilia e ci dobbiamo sempre differenziare dal resto del Mondo, c’è chi cerca di far finta di non vedere le responsabilità ed accusa gratuitamente di ostruzionismo l’ENAC, come se l’approvazione di un progetto di cotante dimensioni fosse una normale ruotine che dovesse passare con nonchalance.

Che ci aspetta ora??? Ancora anni ed anni di onerosi stipendi ad un CDA che trovi qualche altro posto non troppo pianeggiante in modo da poter effettuare altri 2,050 milioni di metri cubi di scavi e 1,727 milioni di metri cubi di riporti per poterci puoi costruire l’aeroporto?

Complimenti Angelino!

angelino alfano

Caro Angelino,

potresti sfruttare l’occasione della poltrona di Ministro della Giustizia per dare una mano alla tua/nostra terra intensificando la lotta alle organizzazioni criminali, ma non lo stai facendo e non lo farai.

Non lo farai perchè “il tuo principale”, ti ha scelto personalmente per quella poltrona, assegnandoti una mission precisa: farti risolvere i suoi guai giudiziari attraverso vie alternative rispetto a quelle dei Tribunali e tu….ci stai riuscendo alla grande.

Fatto questo, fatto tutto, il tuo compito si esaurisce. Ma non ti scoraggiare, non passerai di certo inosservato, passerai infatti alla storia come colui che è riuscito finalmente a far sfuggire Berlosco alla giustizia.

Complimenti!

legge non uguale per tutti

In Sicilia si sta bene!

In Sicilia si sta bene, si sta troppo bene, anzi benissimo!… e per questo si vota destra!

Si sta talmente bene che tutti i leader del centrosinistra,grazie al proprio contributo al benessere, saranno confermati in blocco anche dopo queste elezioni Wink

Viva la Sicilia!!


Elezioni provinciali Agrigento. Vota per il cambiamento!

Dopo 10 anni di amministrazione Fontana la provincia di Agrigento è agli ultimi posti in tutte le classifiche di occupazione, di reddito, di benessere, di imprenditoria, etc.

Il candidato del centrodestra si presenta in perfetta continuità con il presidente uscente Fontana, (non ci stancheremo mai di dirlo) promosso in Parlamento da Forza Italia, per aver avuto il merito di creare un aeroporto fantasma, di cui esiste solo un Cda pagato profumatamente con i soldi dei cittadini.

Se a tutto ciò si aggiunge l’arroganza ed i metodi mafioso-clientelari usati dalla sua coalizione per queste elezioni, si può capitare che l’unico voto che può rappresentare una speranza per questa Provincia è quello per il cambiamento ovvero quello per uno dei Presidenti alternativi a D’Orsi.

Per questo Lefteca Blog ha scelto di sostenere per questa competizione la candidatura di Renato Bruno, con la speranza di poter arrivare al ballottaggio e tentare di vincere questa battaglia in un secondo turno con un centrosinistra unito e senza il trascinamento delle liste.

E’ perciò utile ricordare che anche in questa elezione è possibile usufruire del voto disgiunto, mettendo la croce sul nome del candidato Presidente diverso da quello collegato alla lista votata, come è spiegato qui

Si può ad esempio mettere una croce sul nome RENATO BRUNO e votare il candidato consigliere di una qualsiasi lista presente sulla scheda elettorale.

Buon voto a tutti!

Alle elezioni provinciali nel collegio di Agrigento, vota “La Sinistra”, vota Gaetano Alessi

Riceviamo e molto, molto volentieri pubblichiamo:

Agli amici di:
1) Agrigento
2) Aragona
3) Cattolica Eraclea
4) Comitini
5) Joppolo Giancaxio
6) Lampedusa e Linosa
7) Montallegro
8 ) Porto Empedocle
9) Raffadali
10) Realmonte
11) Santa Elisabetta
12) Sant’Angelo Muxaro
13) Siculiana

Noi svendiamo la nostra onestà troppo facilmente, ma in realtà è l’unica cosa che abbiamo, è il nostro ultimo piccolo spazio. All’interno di quel centimetro, siamo liberi. Gli anni passati insieme ai miei fratelli, ai miei compagni, alla mia famiglia a difendere quel centimetro sono gli anni più belli della mia vita. Non importa le facce di scherno subite ad ogni sconfitta, non importa gli amici perduti. Noi abbiamo difeso le nostre idee e di questo non dobbiamo chiedere scusa a nessuno. Magari tutto di noi finirà, verremo dimenticati dal tempo, saremo sostituiti, ma non resteremo mai soli e non cederemo quell’ultimo centimetro. Un centimetro è piccolo ed è fragile, ma è l’unica cosa al mondo che valga la pena di avere. Non dobbiamo mai perderlo, o svenderlo. Non dobbiamo permetterlo che c’è lo rubino. La nostra vita è tutta lì. La differenza tra noi e loro non si sviluppa nelle aule giudiziarie, ma in quel centimetro. La nostra scelta di vivere e la loro di lasciarsi vivere.In quel centimetro sta il nostro futuro e con ogni probabilità quello del posto in cui viviamo o da cui veniamo. Per questo motivo a breve saremo chiamati a fare delle scelte, che faremo in nome e per conto di quell’ultimo centimetro….

Mi hanno chiesto di mettere un mattone nella (ri)costruzione della Sinistra nella nostra provincia.

Mi hanno chiesto una candidatura nella lista “La Sinistra“. A sostegno di Renato Bruno.

Una corsa “folle”, solo per riaffermare la voglia di una politica fatta per il piacere e la passione di stare in mezzo la gente, non 15 giorni l’anno, ma ogni giorno, tramite i gesti, la voce, la scrittura o il web.

Una scelta “inutile” secondo i nuovi canoni della politica che vuole che ogni gesto e azione sia mirato al “potere per il potere”.

Utile, se si vuole che ogni cosa sia legata ad un senso di partecipazione democratica, che porti a rivedere nella politica un mezzo che serve a riaffermare idee, non padroni.

Io ho tutto da perdere da una scelta del genere, compresa la tranquillità che mi sono riconquistato nel mio anno bolognese.

Ma ancora sento come un offesa aver lasciato la mia terra in mano a corsari privi di ogni amore per chi vive in Sicilia.

M’intristisce essere rappresentato da mangiatori di cannoli…

M’indispettisce l’apatia che sembra aver toccato il cuore di tanti uomini e donne che non hanno più nenche la voglia d’indignarsi.

Dato che “delegare agli altri” non mi è mai piaciuto e vivo nella convinzione che ognuno di noi deve combattere in prima persona le battaglie….Io sono qui…

A te che leggi queste righe, che mi conosci di persona, o perchè mi hai letto, o per aver sentito dire, a te, che conosci la mia vita tramite il blog gaetanoalessi.blogspot.com, a te chiedo di valutare questa candidatura… Da cui non trarrai alcun vantaggio se non quello di un voto dato in libertà

Comunque sia…buona vita e difendi sempre il tuo ultimo centimetro ..

Gaetano Alessi

338 9335728

msn gaetanoalessi@live.it

A te che non appartieni ai comuni del collegio, a te chiedo d’impegnarti in prima persona per cambiare lo stato di cose presenti.

Ricordati,alla fine di tutto dormiremo nel letto che ci siamo preparati…

Renato Bruno Presidente della Provincia di Agrigento