Ecco come i fascisti manifestano “pacificamente” partendo da casa con le spranghe

Queste immagini che mostrano i fasci partiti da casa con le spranghe ornate di verde, bianco e rosso….e nero, dimostrano come questi avessero intenzione di causare scontri e fossero scesi in piazza con questo obiettivo!!

VERGOGNA!!

C’è anche l’opzione due: forse dal Governo avranno cominciato ad attuare il vergognoso piano Cossiga.

Nazirock

Ieri sera ho visto Nazirock. Come sdoganare la svastica e i saluti romani“, un film documentario che fa visita agli ambienti più estremi ed oscuri della destra italiana, soffermandosi in particolare su un raduno di Forza nuova, movimento neonazista che aveva provato a bloccare il film attraverso alcune diffide.

Vedere questo film è l’occasione per rendersi effettivamente conto che in giro c’è gente che nega l’olocausto, inneggia a Mussolini ed Hitler e fomenta l’odio nei confronti del “pericolo sionista“, il tutto contornato da elogi alla violenza ed illustri ospiti fior fiore del terrorismo nero degli anni più bui, ma non solo.

Un estratto da Youtube:

Il tutto è curato da Claudio Lazzaro che già avevo avuto modo di apprezzare alla regia di “Camicie Verdi. Bruciare il tricolore

Il razzista Almirante esempio da seguire?

« Il razzismo è il più vasto e coraggioso riconoscimento di sé che l’Italia abbia mai tentato. » (Giorgio Almirante,1938 )

«Esclusivamente e gelosamente fascisti noi siamo nella teoria e nella pratica del razzismo » (Giorgio Almirante,1942)

Basta leggere qualche notizia sulla vita di Giorgio Almirante per capire che, per uno dei maggiori partiti al Governo nel maggio 2008 in Italia, un razzista, un fucilatore, un fascista, un terrorista sono un esempio da seguire!

….e sempre all’interno di An, il Sindaco di Roma vuole addirittura intitolargli una via, la tabella potrebbe essere già pronta

Italia 2008, morto per mano nazifascista

Se ne va Nicola Tommasoli, il giovane picchiato a morte da un gruppo di neo-nazifascisti a Verona.

Dal racconto degli amici di Nicola, sopravvissuti al raid squadrista, si evince la crudeltà e la gratuità con la quale la violenza, perno della cultura nazifascista, venga dispensata ancora oggi in Italia da certi gruppi di estrema destra.

Da rabbrividire le parole del Presidente della Camera Gianfranco Fini che tenta di sminuire sulla gravità dell’accaduto.

Un’ulteriore vergogna, che non fa certo onore alla vita di un povero ragazzo, morto a 29 anni per aver rifiutato di offrire una sigaretta a dei nazifascisti.

Addio Nicola

Vergognoso video di un minore a cui fanno fare il fascista

Vergogna!!!

Questo video è una vergogna.

I genitori di quel bambino sono una vergogna.

Chi gli ha insegnato la canzoncina è una vergogna.

Chi ha abusato del minore posizionandolo a cantare con il braccio alzato è una vergogna.

Vedere un bambino insultare ed auspicare la morte di una persona è una vergogna.

Che il bambino canti davanti alla bandiera di un partito al governo della Repubblica Italiana è una vergogna.

Va ricordato che:

la Costituzione Italiana, nelle Disposizioni Transitorie e finali, al punto XII dice: è vietata la riorganizzazione, sotto qualsiasi forma,del disciolto partito fascista;

l’apologia del fascismo è un REATO previsto dalla legge 20 giugno 1952.

I fascisti allevano i propri figli con il manganello e la gamella, insegnano loro ad essere violenti e razzisti.

Se non ci svegliamo, vedremo presto le adunate di leghisti e fascistelli ad Arcore ad ascoltare i discorsi sotto il balcone di Berlusconi.

V-E-R-G-O-G-N-A!

Fascisti su Arcore

Dopo l’ingresso di Alessandra Mussolini nel Pdl di Berlosco

ecco l’ultimo arrivato: Giuseppe Ciarrapico

uno che dichiara di andare con Berlosco, ma di rimanere fascista per sempre.

Intanto Truffolo ammette: “ha tanti giornali, ci serve!”

Ah!!! Quindi al fine di vincere le elezioni, possedere dei media, qualche aiutino lo da….

Lo stesso Fini critica Ciarrapico ed a braccetto con Bossi chiede il ritiro della candidatura.

“Vabbè” – controbatte Truffolo – “basta con le polemiche, Ciarrapico è uno dei tanti“.

Uno dei tanti…. che serve. Fascista o meno.

——————————————————————————

Contro ogni forma di fascismo: resistere, resistere, resistere!