Anche Roma va alla destra

Con la netta sconfitta di Francesco Rutelli a Roma, si conclude con la ciliegina sulla torta il capolavoro del Pd

Il centrosinistra riesce a riabilitare il candidato post (o neo?) fascista che nel 2006 si era fermato al 37% dei consensi, (e questo sta ad indicare che una speranza futura c’è anche per la Sicilia 🙂 )

Qualcuno addita la sconfitta di Rutelli al mancato sfondamento al centro del candidato del Pd. Lo stesso Rutelli indica nella ventata di destra il male che ha fermato la sua corsa.

Visti i risultati della Provincia della stessa Roma, pare che il vento abbia colpito solo nel momento in cui si metteva la croce per le Comunali e che Zingaretti sia diventato improvvisamente uomo di centro!!

Molto più realisticamente, la gente vuole una chiara alternativa al sistema del centrodestra. Vuole uomini che non strizzino l’occhio dall’altra parte e che siano alternativi al berlusconismo-pdllismo. Non si riescono a spiegare in un altro modo, gli oltre 60mila che hanno votato Zingaretti, ma non Rutelli.

C’è bisogno di un nuovo centrosinistra che sappia unire e non dividere. Magari non tutti i mali vengono per nuocere, dai diamanti non nasce niente dal letame nascono i fior.

Nel frattempo qualcuno si è inventato questa, diamogli una mano, mica ha torto!

Annunci