Referendum 2009 sulla legge elettorale: io ritiro solo la terza scheda (colore verde)


Da questo blog è stata sempre tenuta una linea molto contraria nei confronti dell’attuale legge elettorale, definita dal suo steso autore una “porcata.

La necessità di cambiare questa legge, che con la mancanza delle preferenze esclude i cittadini dalla possibilità di scegliere e con il premio di maggioranza regionale al Senato ha causato l’instabilità che ha fatto cadere il Governo Prodi, è reale!

Il referendum del 21-22 giugno p.v. poteva essere una buona occasione per migliorare la legge, quando invece è stato formulato in modo tale da peggiorarla ulteriormente!

Il quesito 1 ed il quesito 2 propongono l’attribuzione del premio di maggioranza (che attribuisce almeno il 55% degli eletti) non più alla coalizione di liste che ottiene il maggior numero di voti, ma alla singola lista, rispettivamente alla Camera dei Deputati ed al Senato della Repubblica.

Questi due quesiti non reintroducono  in nessun modo le preferenze e non intervengono sul fatto che il premio di maggioranza alla Camera venga assegnato a livello nazionale, mentre al Senato venga assegnato e vari da Regione a Regione; particolare che ha portata ad un maggioranza di soli 3 Senatori nella XV Legislatura con conseguente instabilità e caduta del Governo.

Il quesito 3 propone l’abolizione delle candidature multiple, cioè esclude la possibilità che ci si possa presentare in più circoscrizioni. E’ l’unico quesito che propone una reale migliorìa alla legge, anche se con la mancanza delle preferenze chi e dove dovrà essere eletto continuerà ad essere deciso  non dall’elettore, bensì dalle segreterie dei partiti.

Se nei primi due quesiti dovesse essere raggiunto il quorum e dovesse vincere il SI la possibilità di scelta dell’elettore verrebbe a diminuire, passando dalla scelta di una coalizione e di un partito, alla sola scelta del solo partito. Aumenterebbe invece la capacità decisionale di scelta degli eletti da parte dei partiti che non dovrebbero più confrontarsi con altri partiti all’interno della stessa coalizione.

Non si capisce poi chi sostiene che una eventuale vittoria del SI ‘obbligherebbe’ il Parlamento a rivedere la pessima legge elettorale attualmente in vigore, a ragion d’essere una votazione popolare con esito positivo su questa legge non potrebbe che essere vista come una legittimazione della stessa.

A questo punto la cosa più naturale da pensare  sarebbe quella di restarsi a casa e far mancare il quorum ai 3 quesiti, ma siccome Noi di Sinistra quando c’è una consultazione elettorale non possiamo non partecipare, si può benissimo optare per la possibilità, garantita dalla legge ( vedi qui, pagina 47, punto III), di rifiutare il ritiro delle schede relative ai primi 2 quesiti e di votare solo ed esclusivamente per il terzo.

In questo modo si farà mancare il quorum per i primi 2 quesiti e verrà appagata la nostra voglia di partecipazione alla consultazione popolare.

Annunci

Padania ladrona. La Lega sperpera i soldi pubblici e tiene sotto ricatto Berlusconi

400-500 milioni di euro è la cifra che il Governo avrebbe fatto risparmiare agli Italiani nel caso in cui avesse deciso di abbinare il referendum sulla legge elettorale alle elezioni Europee in programma per il 6-7 giugno prossimi.

Purtroppo la Lega nord ha paura che abbinando il referendum ad un’altra elezione si possa raggiungere il quorum e cambiare di conseguenza l’attuale legge elettorale, andando ad incidere notevolmente sia sulle strategie elettorali del partito di Bossi che sull’intero quadro politico.

Il premio di maggioranza alle liste più votate (e non alle coalizioni, come succede adesso) potrebbe ipotizzare scenari in cui una lista con il 30% dei consensi possa avere la maggioranza assoluta nelle due Camere e di conseguenza porterebbe verso un sistema bipartitico in cui i partiti medi come quello di Bossi (ma anche come l’Udc o Sinistra e Libertà) sarebbero posti davanti ad un bivio: accorparsi ai partiti maggiori (Pdl o Pd) oppure accontentarsi delle briciole.

Di fatto il referendum in questione non è di certo entusiasmante, anche perché non va a toccare ad esempio altri aspetti controversi dell’attuale legge elettorale, come l’eventuale introduzione delle preferenze, ma sei siamo in Democrazia , perchè non far decidere agli elettori se l’attuale quadro politico deve essere stravolto o meno? Se la Lega nord è così convinta che questa legge (il famoso porcellum) va lasciata così com’è, perchè ha paura dell’opinione degli Italiani e continua (a spese nostre) a fare ostruzionismo nella speranza di non raggiungere il quorum?

Di certo le dichiarazioni di Berlusconi per il quale in caso in cui si fosse abbinato il referendum alle Europee la Lega nord avrebbe fatto cadere il Governo, da un lato gli fanno lavare le mani sulle responsailità dello sperpero economico, dall’altro gli fanno ammettere che il Governo è schiavo del ricatto leghista!

Zani(Pd): Al Senato voto la Sinistra Arcobaleno. L’ ex leader Ds vuol “togliere seggi preziosi al PDL di Berlusconi”

Lui sì che ha capito come funziona…

(DIRE) Bologna, 28 mar. – E’ ufficiale il voto disgiunto di Mauro Zani alle prossime politiche: alla Sinistra arcobaleno al Senato e al Pd alla Camera. In una nota l’europarlamentare eletto nelle liste ds, gia’ segretario della Quercia in Emilia Romagna fa riferimento al fatto che “sempre piu’ politici e intellettuali decidono di votare Sinistra Arcobaleno al Senato con lo scopo chiaro di impedire l’avanzata del Pdl”.
E dunque “Al Senato votero’ l’Arcobaleno per indebolire la destra”, spiega Zani, rimandando all’analoga scelta annunciata nei giorni scorsi dal politologo Gianfranco Pasquino.

Mauro Zani e Gianfranco Pasquino, insieme agli altri estensori del documento pubblicato da Europa sono tra i pochi ad aver capito come funziona il Porcellum al Senato.
Non so se il pareggio al Senato è possibile ma una cosa è certa: per renderlo più probabile è necessario che la Sinistra Arcobaleno superi l’8% in più regioni possibili.

Non solo in quelle ‘rosse’ ma anche in altre, a partire da quelle meridionali dove la Sinistra Arcobaleno può sottrarre seggi all’UDC senza danneggiare il Pd. Non possiamo essere sicuri che alcuni senatori dell’Udc non passino con Berlusconi una volta eletti.

Per questo credo che una parte degli elettori di sinistra alla fine voteranno per noi, nonostante gli appelli al voto utile, perché invece il voto utile è proprio quello alla Sinistra. Il meccanismo elettorale non lascia adito a dubbi su questo.

Fonte

Scrutatori a Ribera: per una volta vince la democrazia

Tra le tante schifezze introdotte dal Porcellum, c’è la possibilità da parte delle commissioni elettorali comunali di nominare senza nessun criterio, se non quello dell’iscrizione all’albo, gli scrutatori alle elezioni.

Comma inserito, non certo per caso, per andare a legare al favore ed a logiche di clientelismo anche questa fase delle elezioni.

Ma in politica c’è anche chi crede in quello che fa e porta avanti le proprie battaglie.

 

Sfruttando il comma b dell’art.9 della legge che dice <<…qualora la successione degli scrutatori nella graduatoria non sia determinata all’unanimità dai componenti la Commissione elettorale, alla formazione della graduatoria si procede tramite sorteggio..>>, la Sinistra Arcobaleno di Ribera , grazie alla propria rappresentanza in commissione elettorale, si è battuta a gran voce affinché venisse ripristinata la democrazia attraverso il sorteggio pubblico. Ci si è presi i mugugni ed i ricatti di qualche consigliere che già aveva preso impegni, ma per una volta è stato dimostrato che una politica più trasparente è possibile.

Berlosco il tuo piano è andato in porto, farete bella coppia con il ceppalonico… elezioni subito!

 

Nel piano di Berlosco era tutto previsto. Il piano ebbe inizio con il disegno di legge n.3633 approvato il 14 dicembre 2005, la riforma della legge elettorale, successivamente denominata dal suo stesso relatore una”porcata”. Con questa legge Berlosco, che vedeva le quotazioni del CentroSinistra guidato da Prodi in forte ascesa, decise innanzitutto di limitare i danni che i 5 anni del suo Governo avevano arrecato alla sua coalizione. Come fece? Semplicissimo: il Mattarellum, la legge elettorale in vigore fino a quel momento, prevedeva dei collegi uninominali in cui si presentavano usualmente 2 liste che rappresentavano le 2 coalizioni di centrodestra e CentroSinistra , nei 2 simboli campeggiavano solitamente i nomi dei due aspiranti premier, quindi in quello della destra dal 1994 in poi, sempre quello di Berlosco. Ora, se la gente non ne poteva più di Berlosco e delle sue leggi ad personam, con il Mattarellum avrebbe votato molto probabilmente per l‘altra lista e , quindi per la coalizione di CentroSinistra. Con la nuova legge elettorale questo non succedeva più perchè i tre principali esponenti del centrodestra andavanodicendo in giro di essere in competizione tra di loro e che avrebbe fatto il premier chi avesse raccolto più voti. Niente di più falso, perchè la gente vota Udc o An per vedere Casini o Fini a Palazzo Chigi, ma si ritrova sempre e comunque Berlosco come leader-padre-padrone della destra. E questa è la prima parte del piano!

La seconda parte è molto più grave: si studia una meccanismo per il quale chi sarebbe andato al Governo, ed erano consapevoli che doveva essere il CentroSinistra, si sarebbe trovato in un situazione di instabilità e di forte ingovernabilità, ma questa non è una nostra opinione: il fatto molto strano è che è lo stesso grande stratega Calderoli ad esserne consapevole e a vantersene in televisione!

 

La mancanza delle preferenze e la nomina del Parlamento da parte delle segreterie di partito è solo una sciocchezza a confronto!

Quello che succede dopo è noto, il piano della legge elettorale funziona magari troppo bene a scapito di Prodi, che vince le elezioni con una coalizione ancora più frammentata, per via della moltiplicazione delle liste, al Senato si avvera la previsione di Calderoli e Prodi ha solo 2 Senatori di maggioranza, più i senatori a vita.

Da li in poi, per il Governo Prodi la strada è molto ardua, la campagna acquisti di Senatori iniziata con il Sen.De Gregorio è stata tentata da Berlosco nel corso di tutti questi mesi, ma i senatori del CentroSinistra sembrano incorruttibili ….. almeno fino ad una settimana fa. Settimana in cui un ciclone giudiziario si abbatte sull’Udeur di Mastella ed il Ministro di Centro invece di dimettersi per presunta scarsa moralità all’interno del suo Partito, si dimette per protesta, attacca la Magistratura e fa partire l’ennesimo ricatto, pretendendo che tutta la coalizione sostenga le sue parole di condanna nei confronti dei Magistrati.

Da lì l’uscita dalla maggioranza di Mastella, pronto a tornare come nel 1994 nelle braccia di Silvio, e l’inizio della crisi che ha visto la caduta del Governo Prodi ed il completamento del piano di Berlosco.

L’unica nota di merito della giornata va, checchè se ne dica, al Sen.Nuccio Cusumano, che eletto nel CentroSinistra, decide di andare contro le direttive del suo partito, annuncia e vota la fiducia a Prodi, si prende insulti ed addirittura uno sputo dai suoi colleghi senatori e finisce svenuto tra i banchi di Palazzo Madama. Che Mastella abbia perso il suo punto di riferimento nel nostro territorio non può che fare piacere.

E adesso??? Perchè far durare ancora la legislatura? Per arrivare ai due anni e mezzo necessari per i vitalizi dei Parlamentari?
Adesso ci vogliono elezioni subito, per vedere Berlosco alle prese con il suo Porcellum. Perchè rifare adesso la legge elettorale? Per lasciare carta bianca ad una nuova e peggiore stagione di leggi vergogna? Per limitare i danni all’Italia, meglio un Berlosco a mezzo servizio!

In Spagna ci saranno prossimamente le elezioni politiche, se Zapatero riuscisse a riconfermarsi al Governo, si potrebbe pensare di chiedere asilo politico: Viva Zapatero!