Alle elezioni provinciali nel collegio di Agrigento, vota “La Sinistra”, vota Gaetano Alessi

Riceviamo e molto, molto volentieri pubblichiamo:

Agli amici di:
1) Agrigento
2) Aragona
3) Cattolica Eraclea
4) Comitini
5) Joppolo Giancaxio
6) Lampedusa e Linosa
7) Montallegro
8 ) Porto Empedocle
9) Raffadali
10) Realmonte
11) Santa Elisabetta
12) Sant’Angelo Muxaro
13) Siculiana

Noi svendiamo la nostra onestà troppo facilmente, ma in realtà è l’unica cosa che abbiamo, è il nostro ultimo piccolo spazio. All’interno di quel centimetro, siamo liberi. Gli anni passati insieme ai miei fratelli, ai miei compagni, alla mia famiglia a difendere quel centimetro sono gli anni più belli della mia vita. Non importa le facce di scherno subite ad ogni sconfitta, non importa gli amici perduti. Noi abbiamo difeso le nostre idee e di questo non dobbiamo chiedere scusa a nessuno. Magari tutto di noi finirà, verremo dimenticati dal tempo, saremo sostituiti, ma non resteremo mai soli e non cederemo quell’ultimo centimetro. Un centimetro è piccolo ed è fragile, ma è l’unica cosa al mondo che valga la pena di avere. Non dobbiamo mai perderlo, o svenderlo. Non dobbiamo permetterlo che c’è lo rubino. La nostra vita è tutta lì. La differenza tra noi e loro non si sviluppa nelle aule giudiziarie, ma in quel centimetro. La nostra scelta di vivere e la loro di lasciarsi vivere.In quel centimetro sta il nostro futuro e con ogni probabilità quello del posto in cui viviamo o da cui veniamo. Per questo motivo a breve saremo chiamati a fare delle scelte, che faremo in nome e per conto di quell’ultimo centimetro….

Mi hanno chiesto di mettere un mattone nella (ri)costruzione della Sinistra nella nostra provincia.

Mi hanno chiesto una candidatura nella lista “La Sinistra“. A sostegno di Renato Bruno.

Una corsa “folle”, solo per riaffermare la voglia di una politica fatta per il piacere e la passione di stare in mezzo la gente, non 15 giorni l’anno, ma ogni giorno, tramite i gesti, la voce, la scrittura o il web.

Una scelta “inutile” secondo i nuovi canoni della politica che vuole che ogni gesto e azione sia mirato al “potere per il potere”.

Utile, se si vuole che ogni cosa sia legata ad un senso di partecipazione democratica, che porti a rivedere nella politica un mezzo che serve a riaffermare idee, non padroni.

Io ho tutto da perdere da una scelta del genere, compresa la tranquillità che mi sono riconquistato nel mio anno bolognese.

Ma ancora sento come un offesa aver lasciato la mia terra in mano a corsari privi di ogni amore per chi vive in Sicilia.

M’intristisce essere rappresentato da mangiatori di cannoli…

M’indispettisce l’apatia che sembra aver toccato il cuore di tanti uomini e donne che non hanno più nenche la voglia d’indignarsi.

Dato che “delegare agli altri” non mi è mai piaciuto e vivo nella convinzione che ognuno di noi deve combattere in prima persona le battaglie….Io sono qui…

A te che leggi queste righe, che mi conosci di persona, o perchè mi hai letto, o per aver sentito dire, a te, che conosci la mia vita tramite il blog gaetanoalessi.blogspot.com, a te chiedo di valutare questa candidatura… Da cui non trarrai alcun vantaggio se non quello di un voto dato in libertà

Comunque sia…buona vita e difendi sempre il tuo ultimo centimetro ..

Gaetano Alessi

338 9335728

msn gaetanoalessi@live.it

A te che non appartieni ai comuni del collegio, a te chiedo d’impegnarti in prima persona per cambiare lo stato di cose presenti.

Ricordati,alla fine di tutto dormiremo nel letto che ci siamo preparati…

Renato Bruno Presidente della Provincia di Agrigento

Annunci

Anna restati ccà!! Petizione-appello per chiedere ad Anna Finocchiaro di scegliere la Sicilia

lefteca.wordpress.com e Suchende promuovono la petizione-appello ad Anna Finocchiaro affinché resti in Sicilia a guidare l’opposizione all’Ars e non opti per il seggio in Senato


Noi Elettori Siciliani del CentroSinistra

Al risveglio dal doppio voto, regionale e nazionale, ci ritroviamo a fare i conti con una doppia sconfitta che ci pone all’opposizione in tutte le sedi istituzionali che ci riguardano. In particolare in Sicilia abbiamo subito una sconfitta senza paragoni, che ci pone in difetto anche con i nostri stessi risultati del 2006 e che ci porta al minimo storico.

Per la situazione che si è venuta a creare è ben chiaro che quella che si prospetta non sarà un’opposizione facile da fare, ma di certo, non per questo si possono ammainare le vele e sventolare bandiera bianca, perché questo significherebbe lasciare la nostra regione nelle mani di un centrodestra, che già si mostra in tutta la sua spavalda arroganza per la spartizione degli incarichi, e di un Lombardo, la cui storia politica e giudiziaria suggerisce una condotta non certo migliore del suo predecessore Cuffaro.

E’ per questo che per comporre e guidare questa opposizione abbiamo bisogno di Donne e Uomini forti ed imperterriti nel difendere e migliorare le sorti di questa nostra Sicilia, Donne e Uomini d’esperienza ed in gamba, come Anna Finocchiaro, che siano capaci di combattere anche le più dure battaglie.

Ed è proprio ad Anna Finocchiaro che, noi tutti, chiediamo di accettare il seggio che le spetta di diritto all’Ars e di guidare il fronte dell’opposizione a nome anche di tutte quelle forze di Sinistra che ad oggi non sono rappresentate negli organi istituzionali siciliani e nel rispetto degli 866.044 Siciliani che hanno creduto in un progetto, sostenendolo con il proprio voto.

FIRMA ANCHE TU

http://www.firmiamo.it/annarestaticca

Promuovi la petizione ed inviala agli indirizzi email di Anna Finocchiaro:

info@annafinocchiaro.it

finocchiaro_a@posta.senato.it

P.s. Arrivano segnalazioni di problemi tecnici con la petizione, dopo aver firmato accertatevi che il vostro nome compaia nella lista delle firme, se non compare ripetete la procedura da capo.

Delusione Sicula

Ci abbiamo creduto o forse ci abbiamo solo voluto credere, ma i risultati elettorali parlano di un centrosinistra alle regionali di Sicilia al minimo storico.

La delusione che era già tanta si è accresciuta maggiormente nel vedere Anna Finocchiaro aspettare i risultati elettorali da Roma invece che da Palermo o da Catania.

Però concediamo un’ulteriore chance alla Sen. Finocchiaro: guidare il fronte dell’opposizione all’ assemblea regionale siciliana, perchè se optasse per il seggio conquistato per il  Senato in Emilia Romagna ed andasse ancora una volta a Roma (aprendo magari una bagarre sul seggio abbandonato, dato il vuoto sulla legge elettorale Siciliana che non prevede il rifiuto del seggio) sarebbe una grande offesa per tutti gli 866.044 Siciliani che l’hanno votata!

L’autonomia di aumentarsi gli stipendi

L’assessore regionale alle autonomie locali Paolo Colaianni, con un provvedimento a 20 giorni dalle elezioni, ha aumentato lo stipendio degli amministratori locali Siciliani dell’8,3%.

L’esponente del Movimento per l’Autonomia ha così finalmente realizzato il principio dell’autonomia a cui tanto si ispira il suo partito e sul quale Lombardo-Cuffaro sta costruendo la propria campagna elettorale.

Il provvedimento, grazie all’autonomia Siciliana, annulla infatti una norma della Finanziaria del 2006 con la quale il Governo Nazionale aveva imposto la riduzione del 10% degli stipendi degli amministratori locali.

Prove tecniche di ciò che potremmo vedere con l’autonomista Lombardo al Governo della Sicilia

 

 

La Sicilia ai Siciliani, mai ad un Lombardo!